Come Preparare Gnocchi alla Romana

Vi piacciono gli gnocchi alla romana, quelli di semolino, che hanno poco a che vedere con gli gnocchi classici di patate?

Tempo fa il nome mi ha fatto incuriosire, così sono andata alla ricerca delle origini di questo piatto. C’è chi dice che il piatto in origine è piemontese, per la presenza del burro, ingrediente tipico del nord.

Altri affermano che il piatto ha le origini nell’Antica Roma. All’epoca, pare, i romani preparavano una sorta di poltiglia di grano e acqua che si chiamava pultes, e così loro venivano chiamati pultifagi.
Qual è la verità, poco importa: meglio concentrarsi sulla ricetta, buona, semplice e versatile.

Ingredienti
200 g di semolino
1 l di latte
50 g di burro
6 cucchiai di parmigiano
2 tuorli
sale
pepe
noce moscata
salsa di pomodoro
basilico
prosciutto cotto
pancetta a cubetti

Procedimento
Porto a ebollizione il latte con un pizzico di sale, aggiungendo 40 g di burro e un pizzico di noce moscata.
Verso il semolino a pioggia e cuocio per 10 minuti, mescolando spesso.
Tolgo dal fuoco, aggiungo la metà del parmigiano.
Poi aggiungo i tuorli e mescolo.
Ungo una teglia con poco olio, verso il semolino e lo livello con le mani bagnate in uno strato di 1 cm.
Copro con la pellicola e lascio raffreddare, poi rovescio sul piano di lavoro e ritaglio i tondini di 5-6 cm.
Dispongo i cerchietti nelle pirofile monoporzione imburrate, verso la salsa di pomodoro, spolvero con il parmigiano rimasto e aggiungo qualche foglia di basilico.
Inforno a 200° per 15 – 20 minuti.
Altrimenti condisco gli gnocchi con i cubetti di prosciutto o di pancetta, spolvero con il parmigiano e completo con i fiocchetti di burro. Metto al forno caldo per 15 minuti e il pranzo è pronto.